domenica 29 giugno 2014

Quel che sapeva Maisie

Dal 26 giugno finalmente al cinema: Quel che sapeva Maisie.

La piccola Onata Aprile è la protagonista di  What Maisie knew (Quel che sapeva Masie), diretto da Scott McGehee e David Siegel. Tra i protagonisti Julianne Moore, Joanna Vanderham e Alexander Skarsgard.

Trailer ufficiale italiano:

Regia: Scott McGehee, David Siegel



Il film è l’adattamento, in una New York contemporanea, del romanzo omonimo scritto da Henry James nel 1897, opera che resta ancora attuale.

Ne abbiamo già parlato qualche mese fa e quindi vi ripropongo il post. Andate a vederlo!!

[Spoiler sul film]
Maisie è una bambina di 6 anni, contesa tra i suoi genitori divorziati, Susanna (Julianne Moore), una rock star al tramonto della sua carriera, ed il padre Beale (Steve Coogan), un commerciante d’arte. 

Il padre di Maisie ottiene la custodia e la piccola comincia a fare la spola tra una casa e l'altra e a diventare l'oggetto inconsapevole dell'odio tra i suoi genitori. A volte saltano i turni, e la dimenticano come un pacco, altre la soffocano di attenzioni.

L'uomo sposa la bella e dolce tata, Margot (Joanna Vanderham), che è sinceramente affezionata alla bambina.



Susanna si sposa con un giovane barista (tall, very tall), Lincoln (Alexander Skarsgard), a cui potrà lasciare la figlia quando andrà in tour, scaricandosi la coscienza.
Giorno dopo giorno, Lincoln si lega alla bimba, mentre Susanna comincia a provare una certa gelosia per questo affetto che sta nascendo tra loro.



Margot e Lincoln si incontrano in qualche occasione insieme a Maisie e cominciano a piacersi.

 Margot lascia Beale, che si trasferisce in Inghilterra  e dopo un pò anche Lincoln lascia Susanna. 
La donna che deve partire per il tour  scarica la bambina a Margot, che la porta con sé in una casa al mare. 
Qui vengono raggiunte da Lincoln. 
I due si sono innamorati e Maisie sta bene insieme a loro. 

Torna la madre e Maisie deve scegliere con chi stare!
Secondo voi, chi sceglierà Maisie?


Dico solo che sceglie benissimo! Non vi resta che guardare questo film, così delicato, e profondo. La piccola Onata è davvero bravissima, così tenera. Lei cresce, assistendo al comportamento irresponsabile dei "grandi". La pellicola, è un atto d'accusa verso coloro (genitori e tutori) che non riescono a prendersi le proprie "responsabilità". 

1 commento:

  1. Lo avevo visto in inglese dietro tuo suggerimento...
    delizioso !

    RispondiElimina