mercoledì 20 novembre 2013

A place to call home, drama australiano (S01)

Serie australiana ambientata nel 1953, nel Nuovo Galles del Sud.

 La protagonista è Sarah/Bridget Adams (Marta Dusseldorp) infermiera dal passato misterioso, che torna a casa (in Australia) dopo 20 anni passati all'estero (tra Inghilterra, Spagna e Francia), per riallacciare i contatti con la madre e iniziare una nuova vita. Le cose con la famiglia non vanno come sperato e Sarah è presto costretta a trovare un'altra sistemazione.
Contando sull'appoggio di Mr Bligh, conosciuto sulla nave durante il viaggio di ritorno, si fa assumere come infermiera nel paese di Inverness. La famiglia Bligh la accoglie in modo discordante, in particolare si scontra con la ricca matriarca della famiglia, Elizabeth Bligh, che cerca in ogni modo di farla andare via, perché teme qualche indiscrezione da parte sua, riguardo un incidente occorso al nipote, durante il viaggio in nave, di cui lei è stata unica testimone.

George Bligh (ricco vedovo) invece è contento dell'arrivo di Sarah, così come Jack, il dottore del luogo. Inutile dire che Sarah sarà contesa da entrambi.

La serie è un vero drama (con amori, odii, tradimenti, ecc.) racconta i rapporti che intercorrono tra Sarah e la famiglia Bligh e altri abitanti di Inverness, mentre la parte medica è marginale (rispetto ad altri drama, come Call the Midwife o Breathless). 
Ci sono anche altri personaggi interessanti, tra cui un italiano Angelo Poletti (Aldo Mignone), innamorato di Anna Bligh, anche se di classe sociale inferiore (ogni tanto si sente parlare italiano).

La prima stagione conta 13 episodi (andati in onda su Seven Network). Rinnovata per la 2° stagione.

Cast: Sarah Adams (Marta Dusseldorp), Elizabeth Bligh (Noni Hazlehurst), Brett Climo (George Bligh), Craig Hall (Dr. Jack Duncan), David Berry (James Bligh), Abby Earl (Anna Bligh), Arianwen Parkes-Lockwood (Olivia Bligh), Aldo Mignone (Gino Poletti) and Frankie J. Holden (Roy Briggs).

Info serie:wikipedia.org
video by dreamybelle

Ho visto le prime tre puntate e mi è sembrata piacevole da seguire, l'ambientazione anni 50 ha il suo fascino e tra il vedovo e il dottore preferisco quest'ultimo. Il segreto che ha portato al tentativo di suicidio del giovane Bligh l'ho capito dopo due secondi...Per il momento non ci sono sub ita, ma con l'inglese si capisce abbastanza bene.

Nessun commento:

Posta un commento