sabato 26 gennaio 2013

Great Expectations BBC, miniserie 2011

La miniserie BBC Great Expectations del 2011 è stata davvero una piacevole sorpresa. E' un bell'adattamento dell'omonimo romanzo di Charles Dickens, Grandi speranze , e con i suoi numerosi colpi di scena, ti sorprende fino all'ultimo. Io non conoscevo il romanzo, né avevo letto la trama, quindi ho apprezzato meglio le tre puntate, senza aspettative di nessun tipo. Gli ingredienti per piacere ci sono tutti: mistero, thriller e romanticismo (che non ci basta mai!) ed un'ambientazione di inizio '800 davvero impeccabile.

Le Grandi speranze del titolo sono quelle riposte nel futuro di Pip, il protagonista, che seguiremo dall'infanzia alla maggiore età.


Brevemente eccovi un pò di trama:

Pip (contrazione di Philip Pirrip) è un orfano che vive con la sorella maggiore (manesca) e il marito di lei, Joe (Joe Gargery) (dolcissimo), che fa il fabbro. Un giorno gli accade un evento particolare (non lo spoilero!).
La storia inizia quando Pip è un bambino. Egli entra sotto la protezione di una nobile del luogo, Miss Havisham (Gillian Anderson, Scully di X Files), nella casa della quale incontra Estella (Vanessa Kirby), una orfana da lei adottata, ed educata ad essere glaciale e senza scrupoli, della quale lui si innamorerà.
Con miss Havisham inizia la parte gotica della storia, perché è un personaggio spettrale e vive in una casa nobile ma decadente, con muffa, polvere e ragnatele ovunque. Lei stessa va in giro per casa in sottoveste e completamente scalza, in uno stato quasi di trance.
Un giorno Pip (Douglas Booth) riceve una grande fortuna e si trasferisce a Londra... qui mi fermo.
Guardate  il trailer!


Ricordiamoci che in Dickens ci sono sempre tematiche di denuncia sociale: bene contro il male,  la ricchezza e la sua potenza per aiutare o danneggiare, la responsabilità personale, la consapevolezza e l'accettazione delle conseguenze di scelte proprie, l'abbandono, il senso di colpa, l'ambizione, l'ossessione e la manipolazione emotiva rispetto al vero amore, le regole sociali, lo sfruttamento dei bambini , la corruzione e problemi dei sistemi di istruzione e di diritto, la necessità di riforma carceraria..ecc.

L'anno scorso è stata realizzata una versione cinematografica del romanzo, per la regia di Mike Newell e con un grandissimo cast. 


Non ho visto ancora il film, ma dal trailer mi sembra che qui l'amore contrastato tra Pip ed Estella sia presentato in modo più passionale rispetto alla serie.

on youtube by LadyAmaltheaUnicorn:


4 commenti:

  1. Una amica mi ha parlato molto bene del film e di solito i nostri gusti coincidono.
    Questa serie mi ispira e poi Dickens mi piace molto.
    Grazie Moon !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego <3, io mi ero ripromessa di vederlo e finalmente ho trovato il tempo. Per fortuna il bello degli adattamenti è che sono migliori dei romanzi a volte...

      Elimina
    2. visto !! Molto molto carino :)
      Mamma mia, ma quanto era inquietante Miss Havisham !! Davvero paurosa !
      Quando poi si da fuoco insieme alle lettere dell'amato...
      Bella storia e grande amore tra i due protagonistu

      Elimina
    3. Potevano giusto curare di più il finale, ma lasciano spazio alla fantasia dello spettatore :D
      Davvero inquietante in certi punti, Dickens non smette di sorprendere.
      Ho letto che è in programma una serie ispirata a Dickens, vedremo di saperne di più.

      Elimina